Bad habits. La parola proibita: Recensione

Bad Habits: La parola proibita di [Flynn Meaney, Gioia Sartori]Bad habits. La parola proibita è un libro young adult scritto da Flynn Meaney. Questa è la mia recensione.

Alex è un femminista super tosta che studia in una scuola cattolica, il bigottismo e le regole severe del liceo le stanno strette e decide di  farsi espellere, ma niente di quello che fa è abbastanza.

Quindi decide di sconvolgere tutti mettendo in scena uno spettacolo teatrale ispirato a:  I monologhi della vagina. Perché la parola vagina, spaventa tutti: gli insegnanti super religiosi, le suore, il preside e i ragazzi.

Però più va avanti con il suo piano e più la protagonista si accorge che non lo sta facendo per farsi espellere…

Bad habits è stata una lettura avvincente e scorrevole, molto divertente e capace di trattare temi molto sensibili e importanti per il pubblico adolescente a cui si rivolge, mettendo in  risalto  le varie facce della medaglia.

Si parlerò di sesso, ma non solo, vagine, assorbenti e stereotipi sono i coprotagonisti del libro, che non punta ad essere hot ma a far riflettere sulla consapevolezza della propria sessualità, sull’importanza di essere liberi nelle proprie scelte, sul bisogno di dare ai ragazzi una giusta educazione sessuale, sul non giudicare gli altri e sulle discriminazioni di genere.

Ci sono anche tanti i riferimenti a Harry Potter e ad altri libri e serie tv, che fanno entrare ancora più in sintonia con la protagonista.

Nonostante la storia sia raccontata solo dal punto di vista di Alex, la scrittrice crea diversi personaggi interessanti per esprimere i vari punti di vista sull’argomento e per far capire che anche la migliore delle idee non può essere presa come verità assoluta, e che il dialogo e il confronto con pensieri diversi sono necessari per crescere in modo intelligente.

Tutto questo con uno stile ironico e brillante che tiene incollati alle pagine e mette in risalto quanto siano ridicoli certi tabù sull’argomento.

 libro Bad habits. La parola proibita su amazon
Dal romanzo verrà tratta anche una serie tv, che guarderò con piacere.

Voi lo avete letto? Vi è piaciuto come sono stati trattati questi argomenti? Siete più come Alex o come la sua amica Mary Kate?

 

6 thoughts to “Bad habits. La parola proibita: Recensione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *